Storie permesse, storie proibite, Polarità semantiche familiari e psicopatologie

Entro quale conversazione familiare si sviluppano i disturbi fobici, ossessivo-compulsivi, alimentari e depressivi? Quali dinamiche precipitano in un disturbo psichico conclamato persone che erano state capaci di affrontare adattivamente conflitti e tensioni? Il modello delle polarità semantiche familiari, introdotto da Valeria Ugazio nella prima edizione di questo libro (1998) e rielaborato in quella successiva (2012), risponde a tali interrogativi.

Storie permesse, storie proibite, tradotto in spagnolo e in inglese, è diventato un fondamentale punto di riferimento internazionale per le psicoterapie sistemico-relazionali: la nuova edizione del 2012 è qui arricchita di un glossario dei termini specifici e di una bibliografia ragionata che arriva fino a oggi. A partire dal concetto di opposizione polare, declinato in senso narrativo-conversazionale, e in dialogo serrato con il cognitivismo e la psicoanalisi, il modello di Ugazio offre un’interpretazione intersoggettiva delle forme psicopatologiche più diffuse.

L’ipotesi, ampiamente validata da ricerche empiriche ormai ventennali, è che i disturbi si generino entro precise semantiche familiari. Una prospettiva innovativa, che suggerisce originali percorsi terapeutici.

La concezione del significato espressa nel modello di Ugazio (1998) dal concetto di “Polarità semantiche familiari” prevede che l‟esperienza dell‟individuo non sia mai semanticamente chiusa: ogni persona è in grado di interagire entro più semantiche.

Si tratta di un’ipotesi molto lontana da quella degli autori cognitivisti, che invece concepiscono il significato personale come un “vincolo epistemologico” (Guidano, 1987, 1991): la realtà diviene significativa per l’individuo soltanto se elaborata all’interno delle stesse polarità di significato su cui si basa il suo senso di unicità.

Le polarità semantiche familiari sono una classe di costrutti triadici: a parte qualche eccezione, sono infatti rappresentate da contrari che presentano tra i due estremi una gamma di termini intermedi. Ad esempio fra amore e odio c’è una gamma di sentimenti intermedi che Odgen (1932) riassume nella posizione mediana dell’indifferenza.

La Griglia delle Semantiche Familiari (GSF) è un sistema di codifica per l’analisi semantica delle conversazioni terapeutiche diadiche e dei racconti autobiografici (Ugazio, Negri, Zanaboni, & Fellin, 2007; Ugazio, Negri, Fellin, & Di Pasquale, 2009).

Essa è stata costruita con lo scopo di rendere passibile di rilevazione empirica l’ipotesi centrale del modello psicopatologico elaborato da Ugazio (1998) secondo cui i disturbi fobici, ossessivo-compulsivi, alimentari psicogeni e depressivi sarebbero connessi rispettivamente alle semantiche della libertà, della bontà, del potere e dell’appartenenza.


Siamo la Società Leader del settore che ha supportato migliaia di tuoi colleghi in oltre 20 anni di esperienza (più di 600 solo quest'anno).

Solo per oggi Domenica 21 Luglio la tua tesi di laurea perfetta e completa al 100% da soli 390 €. Approfittane subito! Clicca sul banner qui sotto.
Serve aiuto per la tesi? Ti supportiamo noi! Contattaci subito per una consulenza gratuita compilando e inviando il modulo qui sotto.
Richiesta di Supporto

Scrivi il tuo indirizzo email qui

Scrivi qui il tuo numero di cellulare per un contatto più celere (anche Whatsapp)

Scrivi qui il Corso di Laurea in cui ti stai laureando

Scrivi qui l'argomento esatto della tesi di laurea, della tesina o dell'elaborato che devi sviluppare

Seleziona qui i supporti didattici che ti interessano (tutti quelli che ti occorrono)

Scrivi qui il numero di pagine (anche orientativo) del lavoro

Scrivi qui la tempistica di consegna (anche orientativa) del lavoro

Dimensioni massime caricamento: 8.39MB.

Se vuoi inviarci un file (bozza di indice, lista bibliografica, elaborato da revisionare, appunti, etc.) caricalo qui. I formati consentiti sono pdf, ppt, word (doc, docx), rtf e txt

chevron_left
chevron_right
Notifica Visitatori